store   l   fotogallery   l   albinoleffe news   l   web tv   l   facebook   l   twitter   l   newsletter   l   scrivici         
 
AlbinoLeffe News   La pulce nell'orecchio

La pulce nell'orecchio
Mercoledì 29 Ottobre 2008 11:37
Share |

di Cesare Malnati


Ospitando l’Ascoli, l’AlbinoLeffe ha disputato una gara molto rigorosa sotto l’aspetto tattico, come ormai può dirsi prerogativa del suo allenatore Armando Madonna. Varato un inedito quanto evidente 4-1-4-1 (con Caremi piazzato davanti alla difesa), che – perchĂ© no? – potrebbe pure essere riproposto. Il successo finale è meritato e il classico punteggio di 2-0 fotografa la differenza dei valori in campo non tanto nelle individualitĂ , in ogni caso esistente, quanto nella determinazione (i marchigiani attraversano un grave momento societario). La partita ha avuto un approccio tutt’altro che fulmineo e, pur costantemente nelle mani di un AlbinoLeffe desideroso di prender bene le misure, ha fatto registrare la prima palla-gol ad opera dell’Ascoli con Soncin. I biancocelesti hanno cominciato a far sul serio dopo la mezz’ora e Gabionetta, una volta fallita la prima occasionissima, ha realizzato la seconda, a conclusione di una splendida triangolazione con un Ruopolo proprietario assoluto del reparto offensivo. La ripresa comincia sotto i migliori auspici, con Ruopolo strepitoso nel girare di testa a lato di un centimetro un suggerimento al  bacio di Carobbio. Ma al 15’ bisogna sostituire Caremi, che non ce la fa piĂą, ed entra un difensore puro come Serafini, con l’allestimento di una linea arretrata a cinque (Garlini, i preesistenti centrali Conteh e Gervasoni nonchĂ© lo stesso Serafini, piĂą Renzetti) successivamente resa ancor piĂą bassa col ritiro di Gabionetta per Bombardieri al posto di Renzetti. Lasciandosi schiacciare, inevitabile qualche sopportabile sofferenza, con Bucchi vicino al gol. Poi Carobbio sigilla la pratica con uno dei suoi tiri nell’angolo, anche se c’è ancora spazio per rischiare un’autorete.

Insomma, la prestazione complessiva è stata buona (voto sei e mezzo), le intuizioni tattiche fondamentali pure. Il modulo di ieri va promosso e non dev’essere giudicato solo in chiave difensiva, perché, usando Ruopolo un po’ alla Totti, come cavatappi, si favoriscono gl’inserimenti da dietro dei vari Madonna jr., Laner, Carobbio e Gabionetta. Resta forse da limare l’atteggiamento della squadra, alla fine pericolosamente prudente. L’AlbinoLeffe ha concluso con sette difensori in campo, quando è uscito anche Madonna jr. per Luoni: magari sarà stato per causa di forza maggiore, data la perdurante emergenza. Emergenza che sembra non finire mai, ciononostante la posizione in classifica è promettente e la squadra sa di possedere – solo fra gli attuali arruolabili – almeno tre elementi di qualità come Carobbio, Ruopolo e Gabionetta in grado di far la differenza.

 
 
 
Linea diretta
 
 
 

 
   
 

2009-2018©Unione Calcio AlbinoLeffe S.r.l. P. IVA 02403060169 Codice Fiscale: 02403060169 Capitale Sociale Euro 2.907.679,00 interamente versato
CCIAA: BG 02403060169 REA: BG 287038 Credits www.dpsonline.it